17 nov 2017

Ciambelline simil Mr Day senza glutine



Che gioia queste ciambelline senza glutine a colazione!
Gioia per gli occhi, per il palato e per la salute visto che sono davvero leggere,
fatte con pochi semplici ingredienti e senza burro, ingrediente che tanto risveglia
i miei sensi di colpa insieme allo zucchero.
Per ora mi sono accontentata di togliere il burro e quando ho assaggiato la prima
sofficissima ciambellina, ho subito pensato alle famose Mr Day che mangiavo 
a volte prima della diagnosi di celiachia.
Gli assomigliano davvero tantissimo!



La ricetta me l'ha suggerita Pinterest ed è tratta da questo bellissimo blog,
Me ne sono innamorata subito e ho deciso di provarle in versione gluten free
Ottima riuscita e, come il 99,9% delle mie ricette, veloci da preparare
Vediamo dunque come procedere


Ingredienti 
per 24 ciambelline

3 uova
100 gr di zucchero
20 gr di acqua
60 gr di olio di riso
4 gr lievito per dolci senza glutine (io Colombo Bio)
1 cucchiaino di miele (io di acacia)
la buccia di un imone bio
1/2 cucchiaino di essenza vaniglia Bourbon
1 pizzico di sale
zucchero a velo senza glutine q.b.

Preriscaldare il forno a 170° ventilato per dolci
Nella ciotola del Kenwood, montare le uova con lo zucchero e il miele
utilizzando la frusta a filo, alla massima velocità per circa 10 minuti
Continuando a lavorare a velocità medio/bassa, unire la scorza del limone,
l'acqua e l'olio a filo
Fermare la macchina e smontare la frusta
Unire la farina facendola cadere da un setaccio e incorporarla all'impasto
con una spatola, con movimenti molto delicati per non smontare il composto
Ungere lo stampo per ciambelle (con pochissimo olio, oppure con burro fuso
o ancora con uno spray staccante) e versarvi l'impasto riempiendo ogni
formina per tre quarti (io ho infornato due volte poiché ho una sola placca da 12)
Cuocere per circa 15 minuti o non appena le ciambelline avranno preso colore
Una volta fredde, cospargerle di zucchero a velo e gustarle con un tuffo nel latte!


Anche questo mese, porto una ricetta ai miei amici Manolo e Leti
che hanno dedicato la sfida del Free Food Lover ai dolci soffici


Partecipate numerosi a questa bellissima sfida con premi finali mooooolto
interessanti! Del resto...anche Gluten Free Travel and Living è fra gli sponsor ;)


14 nov 2017

Salmone scottato al pepe rosa con patate arrosto e panna acida

 

Il salmone scottato al pepe rosa è un piatto llight e velocissima che piacerà a tutti
Se poi lo accompagante con delle stuzzicanti patate arrostite
e con gli ultimi fagiolini di questa lunghissima stagione calda ormai al termine.
Per spezzare e ammorbidire tutti i sapori, una noce di panna acida e una sprolverata
di paprika affumicata saranno perfette


Ecco dunque come procedere

Ingredienti (per 4 persone)4 tranci di salmone fresco
1 limone bio
1 cucchiaio di grani di pepe rosa
3 cucchiai di olio Evo
sale e paprika affumicata senza glutine
500 gr di fagiolini lessati
3 patate
panna acida per accompagnare

Tagliare il salmone a cubetti, eliminare la pelle e sciacquarlo.
Asciugarlo con carta assorbente da cucina e disporlo in una pirofila con
l'olio, il suco e la buccia del limone, il pepe rosa, il sale e la paprika.
Lasciarlo marinare da una a due ore


Lessare le patate lasciandole un po' più dure del solito e tagliarle a fettine.
Arroventare una griglia o una padella in pietra e cominciare ad arrostire le patate 
senza l'aggiunta di alcun grasso rigirandole una volta abbrustolite.
Scolare il salmone dalla sua marinatura e arrostire anch'esso su una piastra
senza aggiunta di altri grassi.
Servire il salmone con le patate e i fagiolini intingendo a piacere nella panna acida


07 nov 2017

Biscotti con nocciole e farina di castagne senza glutine


Finalmente sta arrivando il freddo, le giornate si accorciano e il tepore di una coccola
è sempre più gradito. Avevo voglia di un profumato biscotttino da intingere nel mio infuso
quitidiano e la stagione mi suggeriva di cercare un caldo colore dorato.
Così ho cercato un biscotto con la farina di castagne e sono approdata a questa ricetta

Mi è piaciuta subito e ho deciso di replicarla con qualche piccola modifica.
I biscotti sono davvero deliziosi e leggeri, vi consiglio di provarli al più presto
anche perché non contengono uova e potete renderli privi di latte semplicemente
utilizzando al posto di quello vaccino uno di soia o di mandorle come nella ricetta originale



Ingredienti (per 30 biscottini)
125 gr di farina di castagne senza glutine (io Molino Rossetto)
55 gr di Mix di farine naturali per biscotti e crostate
40 gr di zucchero di canna Muscovado
50 gr di nocciole tostate
40 gr di olio di riso
80 gr di latte
1 cucchiaino di lievito per dolci senza glutine (io Colombo bio)
15 nocciole tagliate a metà

Tritare le nocciole con lo zucchero (io non le ho polverizzate perché mi piace trovarne 
qualche pezzettino più grande ma fate come preferite in base al vostro gusto)
Disporre quindi tutti gli ingredienti nella ciotola del Kenwood con il gancio
a foglia e lavorate a media velocità fino ad ottenere un panetto omogeneo.
Formare un cilindro e avvolgerlo in pellicola trasparente riponendo in frigorifero
(potete anche inserirlo all'interno di un rotolo vuoto di scottex)
Lasciar raffreddare l'impasto per circa 1 ora
Riprendere l'impasto e accendere il forno a 190° statico
Spolverare con zucchero a velo un piano di lavoro e stendervi la pasta con un 
mattarello ad una altezza di mezzo centimetro.
Ritagliare i biscotti fino ad esaurimento dell'impasto


Collocare al centro di ogni biscottino la mezza nocciola e disporli su una teglia


Cuocere per circa 20 minuti, poi sfornare e raffreddare su una gratella.
Gustarli freddi e conservarli in un contenitore ermetico


03 nov 2017

Spaghetti senza glutine con sugo di fagiolini e cacioricotta



Approfittando degli ultimi fagiolini trovati al mercato, ho pensato di proporvi
questa ricetta che spesso preparo durante l'estate e che fino ad ora non avevo mai pubblicato.
Il sugo con i fagiolini preparato con Bimby è davvero delizioso e si sposa
alla perfezione con il cacioricotta pugliese dal gusto salato e deciso.
Quando Schär mi ha inviato questi nuovi spaghetti con farina di miglio
 ho subito pensato ad un matrimonio con questo sughetto.



La scelta è stata decisamente azzeccata!



Veniamo dunque alla ricetta

Ingredienti per 4 persone
350 gr di spaghetti Schär 
200 gr di fagiolini lessati
1 scatola di polpa di pomodoro a pezzi
1 spicchio di aglio senza anima
30 gr di olio Evo 
sale q.b.
cacio ricotta pugliese 

Preparare il sugo
Nel boccale tritare l'aglio 5 sec. vel.7
Raccogliere sul fondo e aggiungere l'olio, i fagiolini tagliati a pezzetti,
il pomodoro e il sale e cuocere 15 mib. 100° vel. Soft antiorario
Intanto portare a bollore l'acqua per la pasta.
Cuocere gli spaghetti e scolarli per poi condirli con il sugo preparato.
Grattugiare la ricotta salata con una grattugia a fori larghi
Buon appetito!



31 ott 2017

Brownies al doppio cioccolato senza glutine (di Martha Stewart)


Questi Brownies al doppio cioccolato sono davvero divini!
Non mi ripeterò dicendo che Martha Stewart è sempre, immancabilmente una garanzia
perché il mio TAG a lei dedicato la dice lunga.
Anche questa è una ricetta tratta da Cookies il suo fantastico libro sui biscotti
e questi brownies hanno incantato le papille di tutti coloro che li hanno asaggiati
Non vi viene voglia di tuffarvici dentro?



Ho seguito fedelmente la ricetta, che qui sotto vi riporto con le mie piccole modifiche
di sglutinamento e con le misure "tradotte" in grammi.
Facili da preparare e assolutamente adatti a tutti i gusti, vi consiglio vivamente di provarli!



Ingredienti
(per una teglia da cm. 20x20)6 cucchiai di  burro (90 gr)
6 once di cioccolato semidolce 
(io 85 gr di cioccolato fondente 70% senza glutine)
1/4 di tazza di cacao amaro (15 gr)
3/4 di tazza di farina (io 90 gr di Mix Naturali per impasti lievitati)
1/4 di cucchiaino di lievito per dolci senza glutine
1/4 di cucchiaino di sale
1 tazza di zucchero (200 gr)
2 uova grandi
2 cucchiaini di estratto di vaniglia puro
80 gr di noci di Macadamia (mia aggiunta)

Foderare di carta da forno la teglia predisposta lasciando alti i bordi di carta
per facilitare l'estrazione finale del dolce.
Preriscaldare il forno a 180° ventilato per dolci
In un pentolino disporre il burro, il cioccolato tritato e il cacao e far sciogliere 
tutto lentamente a bagnomaria mescolando di tanto in tanto
Quando tutto sarà sciolto e amalgamato rimuovere dal fuoco e lasciar intiepidire
Miscelare intanto la farina, il lievito e il sale.
Nella ciotola del Kenwood, con la frusta a filo. montare le uova 
con lo zucchero e la vaniglia per circa 4 minuti a media velocità.
Aggiungere il mix di cioccolato sciolto e lavorare a bassa velocità.
Unire quindi il mix di farine e rimuovere i residui sui lati amalgamando
alla perfezione. Se avete scelto di usare le noci di macadamia unitele al composto. 
Versare il tutto nella teglia livellando con una spatola.
Cuocere per circa 25/30 minuti effettuando la prova stecchino ma evitando il
centro e i bordi estremi. Lo stecchino dovrà venir fuori non umido e nemmeno 
troppo asciutto (dalla foto si intuisce il cuore morbido) ma con delle bricioline
Estrarre la teglia dal forno e lasciar raffreddare per circa 15 minuti prima di
sollevare il dolce con la carta e porlo su una gratella
Una volta freddo del tutto, tagliarlo a cubetti e ...buon appetito!



Anche i Brownies di Laurel Evans non erano male...provateli qui

25 ott 2017

Curry di pollo all'indiana senza glutine con riso pilaf alla cannella



Il Curry di pollo all'indiana è un piatto che profuma di oriente, di cannella e di esotico.
Pubblicata sulla rivista FREE ormai quasi 2 anni fa, questa mia versione di curry
è un riadattamento di una ricetta del mitico Jamie Oliver.
Se vi piacciono i piatti unici e speziati provate il mio Curry e ditemi se vi è piaciuto!




Ingredienti (per 4 persone)
Per il Curry

800 g di petto di pollo intero
2 grosse cipolle bianche
2 spicchi di aglio sbucciati
1 cucchiaio di burro chiarificato
1 pezzetto di zenzero fresco
200 g di pomodori
1 tazza di brodo vegetale salato
½ cucchiaino di curcuma in polvere*
1 cucchiaino di paprika dolce in polvere*
2 cucchiaini di cumino in polvere*
2 cucchiaini di coriandolo in polvere*
1 cucchiaino di pepe di cayenna*
1 cucchiaino di peperoncino in polvere*
1 bastoncino di cannella
3 semi di cardamomo
4 chiodi di garofano
2 foglie di alloro
1 mazzetto di prezzemolo
½ cucchiaino di Garam Masala
Per il Riso Pilaf alla cannella
200 g di riso Basmati
500 ml di brodo vegetale salato
1 bastoncino di cannella
50 g di burro chiarificato

Mescolate tutte le spezie ad eccezione del bastoncino di cannella e del garam masala.
Tagliate il pollo a cubetti di circa 3 centimetri.
Affettate finemente le cipolle e grattugiate lo zenzero.
Preriscaldate il forno a 180° statico.
Scaldate un tegame o una padella che possa essere trasferito in forno e scioglietevi il burro. Unite lo zenzero e la cipolla e cuocete a fuoco dolce per circa 10 minuti mescolando spesso.
Unite l’aglio e tutte le spezie miscelate e soffriggete ancora per 5 minuti.
Aggiungete ora  il pollo lasciando che le spezie lo coprano bene. Mescolate e cuocete per qualche minuto facendo dorare la carne quindi aggiungete i pomodori tagliati in quarti, la cannella e l’alloro.
Versate ora il brodo caldo, coprite con un coperchio e trasferite in forno.
Cuocere per un’ora e mezza mescolando di tanto in tanto.
Preparate intanto il riso pilaf.
Scaldate una pentola antiaderente, scioglietevi il burro chiarificato e unite la cannella. Mescolate per qualche secondo e poi unite il riso facendolo tostare. Versate il brodo, abbassate la fiamma e cuocete con il coperchio portando a ebollizione. Una volta assorbito tutto il liquido spegnete la fiamma e lasciate coperto.
Trascorso il tempo di cottura della carne, estraete il tegame dal forno e controllate sia la cottura del pollo che la quantità di liquido, che non dovrà essere eccessiva. Qualora lo fosse basterà restringere il brodo a fiamma alta per qualche minuto.
Completate con il garam masala e il prezzemolo tritato e servite il curry di pollo ancora caldo con il riso pilaf alla cannella.



Liberamente tratta da una ricetta di Jamie Oliver

20 ott 2017

Frollini ripieni all'uva fragola senza glutine


I frollini ripieni all’uva fragola senza glutine sono biscotti che profumano di buono e di coccole
La pasta frolla è per me la base essenziale perché un dolce sia degno di questo nome e pazienza 
se il burro c’è, lo zucchero anche e il giro vita va pian piano sparendo!
Questo mese poi, ho un motivo in più per pubblicare la pasta frolla visto che 
i miei amici Manolo e Leti, hanno aperto le danze per una sfida davvero entusiasmante 
di cui Gluten Free Travel and Living è anche partner
E' il Free Food Lover  a cui, ovviamente, partecipo molto volentieri con la ricetta di oggi



Come sapete, in rete la condivisione è fondamentale e infatti questa ricetta l’ho copiata 
ad una blogger che ormai è diventata proprio brava e che tutti conoscerete 
grazie anche al suo frequentatissimo canale Youtube. 
Sto parlando della mia amica Mary di Gioia, del blog Zero Glutine 100% bontà 
che sforna manicaretti come se non ci fosse un domani!
Con questi biscotti mi ha proprio tentato e infatti posso dire che non mi ero sbagliata 
perché questi frollini sono proprio la fine del mondo! 
Il tocco finale lo ha dato inoltre la marmellata all’Uva Fragola di SIGI
Chi mi segue conoscerà sicuramente questa azienda di cui vi ho parlato qui 
ma anche in molti miei post di ricette perché io adoro i loro prodotti 
e ci tengo ad averli sempre averli con me.
Mi sono attenuta scrupolosamente alla sua ricetta solo variando le farine e qualche minimo dettaglio. La frolla era molto morbida e ho fatto fatica a lavorarla senza farla rompere però è pur vero che ho fatto questi biscotti in estate (e questa estate non perdonava!). Quando li ho rifatti, ho utilizzato il mix di farine naturali e ho usato un solo uovo (come di solito faccio per la mia frolla preferita); la pasta si lavorava meglio ma il risultato finale non era buono come il precedente. Procedete quindi spediti e abbiate solo un po’ di pazienza a raffreddare bene l’impasto.  Buona cucina!



Ingredienti
Per la frolla
200 gr di farina per frolla Alimenta 2000
100 gr di farina per dolci Nutrifree
120 gr di burro
100 gr di zucchero
2 uova
la scorza grattugiata di un limone bio
mezzo cucchiaino di estratto di vaniglia bourbon
1 cucchiaio di lievito per dolci senza glutine (io Colombo bio)
Per il ripieno
Marmellata all’Uva Fragola di SIGI
Per completare
Zucchero a velo senza gluitne

Preparare la pasta frolla come preferite, io ho seguito pari pari la ricetta di Mary 
e ho buttato  tutto nel Bimby. 
Formare la solita palla, appiattirla  e avvolgere in pellicola alimentare 
riponendo in frigorifero per almeno 3 ore.
Riprendere l’impasto, dividerlo a metà e rimettere una metà in frigorifero.
L’impasto, come già detto, sarà abbastanza morbido quindi dovrete 
lavorarlo velocemente senza surriscaldarlo e stenderlo ad una altezza di mezzo centimetro. 
Con un coppa pasta ricavare tanti dischetti e premete leggermente al centro 
onde formare un incavo dove adagiare un cucchiaino di marmellata.
Riprendere l’impasto dal frigorifero e stendere anch’esso ad una altezza 
leggermente inferiore alla precedente. 
Ricavare gli stessi dischetti e adagiare ciascun disco a coprire quello sottostante, 
sigillando i bordi con i rebbi di una forchetta.
Disporli su una teglia e cuocere per circa 15/20 in forno preriscaldato 
in modalità statica a 180/200° (dipende dal vostro forno, io faccio sempre 190°).
Sfornare, lasciar raffreddare su una gratella e spolverare di zucchero a velo



Il Risotto ai borlotti e pepe rosa con confettura di peperoncini
Le Girandole morbide con marmellata di fichi bianchi
 



17 ott 2017

Bocconcini di cioccolato con ripieno al cocco senza glutine


Ancora Pinterest il colpevole di questa sfiziosa e meravigliosa ricettina che ho
copiato pari pari da questo post
Preparare questi Boconcini di cioccolato con ripieno al cocco è davvero facilissimo e 
comodo perché si può farlo in più riprese e non richiedono cottura.
Anche questi, come le Pecan Bars, sono finiti sul buffet di dolci di un goloso compleanno
Veniamo alla ricetta?
Eccola, con una piccola aggiunta di cioccolato per la copertura 
(100 gr non sono sufficienti)

Ingredienti 
(per circa 25 bocconcini)
1 confezione da 250 gr di farina di cocco senza glutine
1 tubetto da 170 gr di latte conensato
150 gr di cioccolato fondente senza glutine

In una ciotola spremere tutto il latte condensato e versarvi gradatamente 200 grammi di 
cocco amalgamando con una spatola.
Modellare in piccole palline e disporre in una teglia riponendo in frigorifero
per alcune ore (ecco perché si possono preparare in anticipo).
Disporre la rimanente farina di cocco in un piattino.
Sciogliere il cioccolato a bagnomaria o al microonde.
Tuffarvi i bocconcini uno per volta facendo poi colare il cioccolato in eccesso 
e rotolandoli nella farina di cocco per poi disporli in pirottini.
Rimettere in frigorifero fino al momento di servire
Se conservati in contenitore ermetico (in frigorifero) durano diversi giorni


15 ott 2017

Le ho mai raccontato del vento del Nord, di Daniel Glattauer



SINOSSI
Un’e-mail all’indirizzo sbagliato e tra due perfetti sconosciuti scatta la scintilla. Come in una favola moderna, dopo aver superato l’impaccio iniziale, tra Emmi Rothner – 34 anni, sposa e madre irreprensibile dei due figli del marito – e Leo Leike – psicolinguista reduce dall’ennesimo fallimento sentimentale – si instaura un’amicizia giocosa, segnata dalla complicità e da stoccate di ironia reciproca, e destinata ben presto a evolvere in un sentimento ben più potente, che rischia di travolgere entrambi.Romanzo d’amore epistolare dell’era Internet, Le ho mai raccontato del vento del Nord descrive la nascita di un legame intenso, di una relazione che coppia non è, ma lo diventata virtualmente. Un rapporto di questo tipo potrà mai sopravvivere a un vero incontro?

Cosa ne penso...
Ho letto questo libro in due soli giorni
E considerando i ritmi serrati e convulsi della mia vita, posso senz'altro definirlo un record.
Questo titolo mi girava intorno già da un bel po'; più volte mi era capitato fra le mani in 
libreria e non appena leggevo la trama mi dicevo "la prossima volta", quasi a voler evitare
di leggere una storia d'amore che sapevo sarebbe stata unica e travolgente.
Poi, all'ennesimo incontro casuale con lui, ho deciso che la casualità non aveva nulla a che fare
con questa situazione  e che questo libro desiderava semplicemente stare con me.
In una parola, l'ho amato
Ho amato Emmi e Leo e ho tifato per il loro amore impossibile fino alla fine.
Chi lo dice che Internet sia un mondo virtuale, finto e inconsistente?
La più profonda e sincera storia d'amore può nascere nei meandri di un server, fra gli 
scambi di messaggi o email senza timori di mostrarsi
attraverso le parole scritte, sostenendosi sull'immenso conforto di una email. 
Ecco, ad Emmi e Leo (e sicuramente non solo a loro) è successo questo; ognuno dei due
si è mostrato per quello che veramente è, giocando con il sarcasmo, con l'ironia, dicendo (anzi) 
scrivendo, quello che sentiva di dover dire senza paura di deludere l'altro nella convinzione
che sia impossibile distruggere qualcosa che non esiste nella realtà.
E continuano a scriversi, a scoprirsi, a mostrarsi certi che la loro sia un divertente
passatempo, non un inizio e neppure lontanamente un tradimento verso la vita reale.
Ma i loro calcoli sono sbagliati; sbagliato pensare di essere al sicuro solo perché
di fronte a uno schermo; sbagliato perché Emmi è sicura di avere un matrimonio felice, 
senza crepe in cui possa insinuarsi una diversa felicità; 
sbagliato perché Leo è certo di non voler mai incontrare la sua amica virtuale nel mondo reale; 
sbagliato perché credono di poter iniziare qualcosa di pericoloso, alimentarla e illudersi
 di poterla interrompere a proprio piacimento.
Perché l'amore nasce, vive, cresce sotto mille forme e forse proprio l'amore non condiviso
di persona, giorno dopo giorno a stretto contatto, è quello che ha più certezze di durare per sempre.
Innamorarsi attraverso le parole non prevede una fine!

Avrete capito che consiglio questo libro ad occhi chiusi e cuore aperto

P.S. Ho già ordinato il seguito, "La settima onda",
 perché ogni amore impossibile merita un seguito giusto?




12 ott 2017

Torta alla panna e caffè senza glutine


Il weekend si avvicina e una coccola ce la vogliamo concedere?
Bene, io vi suggerisco di preparare questa torta sabato e godervela con la 
colazione di domenica, magari a letto in buona compagnia 
e con una bella tazzina di caffè che dite?
Ho riadattato una ricetta trovata in rete e la torta alla panna e caffè è piaciuta a tutti!
La ricetta originale la trovate qui


Ingredienti
Per la base
250 gr di Mix C per Dolci di Schär
200 gr di zucchero di canna chiaro
100 ml di olio di riso
3 uova
50 ml di caffè espresso amaro
40 ml di latte
1 cucchiaino di cacao amaro
13 gr di lievito per dolci senza glutine
Per la farcitura
250 ml di panna fresca (crema di latte)
mezzo cucchiaino di essenza di vaniglia Bourbon
1 cucchiaio di miele di acacia

Io l'ho preparata con il Kenwood
Frusta a filo per montare uova e zucchero alla massima velocità
Unire quindi la vaniglia, abbassare la velocità e versare l'olio a filo
Mescolare e setacciare farina e lievito
Miscelare latte e caffè
Continuando a lavorare, cominciare ad aggiungere la farina a cucchiaiate
alternandola con il liquidi e terminando con la farina.
Foderare con carta da forno una teglia a cerniera da 26 cm. e versarvi l'impasto
Cuocere in forno riscaldato a 180° ventilato per dolci, per circa 40 minuti
(vale sempre prova stecchino)
Trasferirla su una gratella e lasciarla raffreddare completamente.
Montare la panna con il miele e farcire la Torta.
Conservarla in frigorifero fino al momento di servire


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...